Rimuovere informazioni personali da Google

Chiunque sia interessato, per ragione di privacy, a richiedere la rimozione di determinate informazioni personali e dunque di poter adire al beneficio del diritto all’oblio, potrà accedere al modulo di richiesta di rimozione delle informazioni personali direttamente da Google.

In particolare, il modulo consente di richiedere la rimozione dalla Ricerca Google di risultati specifici relativi a query che includono il nome dell’interessato. Google LLC è il titolare del trattamento dei dati personali effettuato nell’ambito della determinazione dei risultati mostrati nella Ricerca Google, nonché della gestione delle richieste di rimozione inviate tramite questo modulo.

Il motore di ricerca, difatti, consapevole della negatività delle condotte di pregiudizievoli, ha previsto una apposita procedura per richiedere la rimozione di tali contenuti dai risultati di ricerca di Google.

Innanzitutto, vengono individuati dei requisiti, affinchè possa essere presa in considerazione la rimozione. Tali presupposti, da soddisfare entrambi, sono:

-Le tue informazioni di contatto sono presenti.

-Nei contenuti sono presenti:

– Minacce esplicite o implicite oppure

-Inviti all’azione espliciti o impliciti affinché altre persone provochino danni o procurino molestie.

Rispettati i requisiti, l’interessato che chiede la cancellazione delle notizie dal web o il rappresentante autorizzato a richiedere per suo nome e conto la rimozione delle notizie lesive da internet, potranno inviare una richiesta di rimozione di link ai contenuti dai risultati di ricerca di Google, cliccando semplicemente sulla voce “avviare la richiesta di rimozione”, che aprirà un modulo da compilare e inviare.

Successivamente alla trasmissione della richiesta, l’utente riceverà un’email automatica di conferma della ricezione della richiesta.

La richiesta sarà, a questo punto, esaminata.

Qualora lo ritenesse necessario, il team di Google raccoglie altre informazioni. Laddove la richiesta non disponesse di informazioni sufficienti per consentire una valutazione saranno fornite istruzioni specifiche e verrà richiesto di inviarla nuovamente.

Se la richiesta non soddisfa i requisiti per la rimozione, il motore di ricerca motiverà la decisione di non rimozione dei contenuti contestati.

Se gli URL saranno considerati lesivi verranno rimossi solo dai risultati di ricerca in cui la query include il nome dell’autore del reclamo o altri identificatori forniti, come alias e nomi utente di social media.

Per la compilazione del modulo, basterà inserire i dati personali – nome, cognome, paese di origine, indirizzo e-mail di contatto, in nome di chi si agisce, se in precedenza si inviata già una richiesta-, aggiungere gli URL contestati e il motivo per cui si richiede la rimozione degli stessi.

Infine, dopo alcune dichiarazioni giurate, il modulo andrà sottoscritto e inoltrato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: