Come Cancellare Articoli di Giornale da Internet

Il termine diritto all’oblio viene inteso come il potere di disporre dei propri dati personali. Per disposizione si intende la cancellazione dei dati che si presentano sotto forma di articoli o notizie nel web di dominio pubblico riguardanti il soggetto interessato. In questo senso quando ci si accosta alla sfera della privacy di un soggetto, e soprattutto nella ipotesi in cui si utilizzi l’espressione diritto all’oblio, si fa riferimento alla facoltà dell’interessato ad essere dimenticato o non essere più collegato ad una determinata notizia che lo riguarda, la quale può creargli disagio. Per questo molte persone sono interessate a cancellare articoli di giornale dal web attraverso la rimozione delle notizie dai risultati di ricerca dei motori di ricerca più popolari come Google, Bing, Yahoo!

Nella maggior parte dei casi, siffatti episodi sono per lo più connessi a vicende di natura giudiziaria di carattere penale. Si pensi a vicende riguardanti omicidi, reati tributari o casi di pedofilia, in queste particolari ipotesi viene da sé che il reo, soprattutto se interessato da una pronuncia assolutoria non voglia più essere accostato alla vicenda storica, e voglia avere la possibilità di vedere riabilitato il proprio nome ed il proprio status sociale. A seguito della pronuncia Costeja o anche conosciuta come caso Google Spain del 2014, è stato sancito che i motori di ricerca hanno l’obbligo di cancellare articoli dal web collegati al nome di un determinato soggetto che risultano obsoleti o non veritieri.

Nel primo caso sarebbe possibile da parte del webmaster, cioè il titolare o il gestore di un sito internet ed ha la possibilità di effettuare interventi di modifica, cancellazione o anche aggiornamento degli URL del sito dal quale abbiamo intenzione di rimuovere il contenuto. Così Google ha l’obbligo di cancellare i link ad articoli o pagine che possano avere contenuti pregiudizievoli per l’interessato qualora i link in questione siano “inadeguati, irrilevanti o non più rilevanti, o eccessivi”. Tutto ciò sempre tenendo conto del bilanciamento del diritto all’oblio vantato dall’interessato ed i fattori esterni tra cui il diritto all’informazione pubblica e l’interesse storiografico.

Il proprietario del sito può dunque ricevere da parte dell’interessato una richiesta di cancellazione di uno o più articoli che ledono la reputazione del soggetto, questa deve però necessariamente essere corredata di tutta la documentazione necessaria allo scopo. Se il webmaster decide di cancellare gli articoli da internet oggetto della richiesta, deve comunicare con il motore di ricerca, ad esempio Google, la rimozione del contenuto che ha rimosso.

Come contattare il webmaster di un sito

Solitamente nelle pagine delle testate giornalistiche, siano queste sotto forma di siti web o profili social, sono reperibili le informazioni nella sezione “contattaci”. Orbene attraverso questa sezione sarà possibile operare una prima bonaria richiesta al webmaster.

Se questa sezione non dovesse esserci allora sarà possibile:

a. cercare le informazioni di contatto tramite protocollo WHOIS digitare su Google: whois http://www.example.com e l’indirizzo mail del proprietario si trova solitamente nella sezione “email registrate” o “contatto amministrativo”;

b. contattare la società di hosting del sito: nel caso in cui non si riesca a contattare direttamente il webmaster allora bisogna tener presente che, l’utilizzazione del protocollo whois, restituisce come risultato anche le informazioni su chi ospita il sito web e quindi la possibilità di rivolgere la richiesta anche a quest’ultimo.

Se il webmaster si adopera per la rimozione dell’articolo, nulla questio, ma nella prassi è inusuale che il proprietario di una pagina rimuova un articolo. In tal senso, il webmaster potrebbe modificare le informazioni dell’articolo ed aggiornarle oppure rifiutarsi di rimuovere da internet gli articoli pregiudizievoli. 

L’interessato, a questo punto può rivolgersi allora o all’Autorità Garante della privacy, la quale è l’organo preposto al controllo ed alla esecuzione di provvedimenti in materia di privacy e di dati personali; altrimenti l’interessato può e deve rivolgersi direttamente all’autorità giudiziaria, e dunque al giudice civile, per ottenere un provvedimento di rimozione ai sensi della normativa europea vigente in tema di deindicizzazione dei contenuti obsoleti e lesivi della reputazione di un soggetto per cancellare notizie da Google.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: