Costeja Gonzalez e il paradosso del diritto all’oblio

Il Signor Costeja Gonzalez sarà, probabilmente, ricordato per sempre perchè voleva essere dimenticato. È questo il paradosso della storia che lo riguarda e che ha dato la possibilità ad altri cittadini europei di richiedere la deindicizzazione di notizie e informazioni personali. Sempre più di frequente, di recente, si assiste ad una continua diffusione di dati relativi ad un soggetto, il quale potrebbe ritenere che la presenza di notizie che lo riguardano possano essere lesive. A tal fine, si è cercato sempre di più di regolamentare la materia, così da offrire anche delle linee-guida per l’Autorità competente in materia. Proprio in relazione a situazioni di questo tipo, appare opportuno e curioso il caso attinente al Signor Gonzalez.

La vicenda

Il Gonzalez proponeva, nel marzo del 2015, un reclamo all’Autorità Garante della Privacy spagnola, con il quale si chiedeva che Google procedesse alla rimozione di un post che raccontava una vicenda personale e veniva accompagnato anche da una fotografia.

Tuttavia, nel caso di specie, l’Autorità sosteneva la posizione del noto motore di ricerca, in quanto le informazioni pubblicate risultavano essere rilevanti per il pubblico e non obsolete. In particolare, la decisione del Garante si fondava sulla Sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea del 13 maggio 2014, che aveva bilanciato il diritto alla privacy con il diritto alla libertà di informazione, dichiarando la prevalenza del secondo laddove le informazioni abbiano una portata e un interesse generale. Si aggiunga che lo stesso Gonzalez non era mai stato restio ad alimentare il dibattito pubblico e, anzi, aveva sempre partecipato ad interviste e dibattiti pubblici.

Il c.d. “effetto Streisand”

Il reclamante nell’intento di ottenere il diritto all’oblio si trovava sempre a rinvenire informazioni personali sul web, non solo quelle relative alla vicenda oggetto del giudizio innanzi all’Autorità, ma anche quelle relative alla propria richiesta e al conseguente rifiuto ottenuto. Il Gonzalez avrebbe voluto essere dimenticato, ma il reale risultato ottenuto sarà il suo nome e le sue informazioni ben legate al web. Si è parlato, in casi del genere, del c.d. “effetto Streisand”, in quanto l’attrice Barbra Streisand che nel 2003, nel tentativo di veder cancellata dalla Rete la foto aerea della sua villa californiana, ottenne invece di vederla pubblicata su molti blog e testate giornalistiche. Una vicenda del tutto analoga a quella del Sig. Costeja Gonzalez.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: